full screen background image

sosto.net blog - montagne del ticino
sosto.net blog - montagne del ticino
#cycling

Diga del Naret, 2311 m

Un piccolo viaggio. È la sensazione che mi ha lasciato la gita in bicicletta ai laghetti del Naret, un'uscita di alcune settimane fa, quando un torrido venerdì di luglio parto dalla riva del Lago Maggiore in direzione della Valle Maggia. Nella bassa valle percorro la pista ciclabile che segue il tracciato del trenino Locarno - Bignasco, dismesso nel 1965.

Proprio a Bignasco mi fermo per la colazione in un bar lungo la strada. Mentre sorseggio un caffè, noto un ciclista dall'aspetto inusuale: petto nudo, una vecchia bici da corsa (in ferro?) e shorts da nuoto color arancione, smunti, ai quali è affrancata una t-shirt bianca.

Pizzo del Lago Scuro

Il Lago del Naret soffre la siccità e quest'anno è diversi metri più basso del solito. Sullo sfondo, il Pizzo del Lago Scuro, da dove sono passato nel 2020, in inverno.

Finita anche la seconda brioche, risalgo in sella e mi dirigo verso Peccia. Oltrepassato il villaggio, famoso per la lavorazione della pietra, la strada si impenna. Giunto a Mogno, sono piuttosto soddisfatto per aver superato la salita senza arrancare troppo. Il morale è alto e proseguo fino alla diga del Sambuco, dove inizio ad avvertire i primi segni di affaticamento. Dopo essermi rifocillato, riprendo a pedalare lungo il lago. I primi chilometri pianeggianti sono un piacere, al contrario di quando li percorsi la prima volta nel 2012 in occasione Trail Ticino. In fondo al lago, la salita cambia pendenza e si fa dura. Molto dura. L'ultimo tratto è sofferenza pura, lo affronto con tante pause e molti pensieri per la testa. Poco prima del Lago di Sassolo, una bicicletta mi sfreccia accanto, evitando per un pelo i miei zig-zag in mezzo alla strada. Ho a malapena la forza per alzare lo sguardo e riconosco il ciclista che avevo incrociato qualche ora prima a Bignasco, questa volta con indosso la t-shirt bianca.

Diga del Sambuco

Le dighe del Sambuco (nella foto) e del Naret fanno parte del complesso idroelettrico della Maggia, composto da captazioni d'acqua, tunnel, dighe e impianti di turbinazione.

In qualche modo la testa ha la meglio sulle gambe e a fatica raggiungo la diga del Naret. Mi siedo e per qualche minuto non faccio altro che osservare le montagne attorno, ricordando alcune gite in questa regione (in inverno o in estate). Per prepararmi alla discesa mi devo concentrare, perché sono stanco e anche le cose semplici richiedono uno sforzo. Maglietta asciutta, spuntino, una foto e sono pronto. Solo ripercorrendo la strada a ritroso riesco ad apprezzare pienamente questo piccolo viaggio che dalle rive del lago mi ha portato fino ai 2300 metri di quota. Lo stesso dislivello che percorre l'acqua in senso inverso, permettendo così alle centrali idroelettriche di produrre preziosa energia rinnovabile.

sosto.net tombstone

Partenza dal Lago Maggiore. Madonna delle Grazie, a Maggia. Le case di Presa di Dentro, dopo Bignasco. Broglio. Mogno. Fusio. Lago del Sambuco. Salita verso il Naret. Una delle numerose pause. Arrivato! Stanco ma contento. Cavallo di battaglia.

coshomments
Do you want to say something?


name* (max 20 characters)

contact e-mail* (it won't be published)

comment*


hastags

View all hashtags.

search


galleries

Instagram
VSCO
clemspace.ch gallery

archive

September (0)
August (2)
July (2)

Archives

popular posts

Da Bosco Gurin alla Val Bedretto, via Basodino

Gazzirola e Camoghè

Via alta della Val Carassina

clemspace.ch

clemspace.ch

sosto.net - top of the page


cross cross cross sandwich fullscreen fullscreen resize resize fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen