full screen background image

sosto.net blog - montagne del ticino
sosto.net blog - montagne del ticino
#cycling

Verbano, Ceresio, Lario

Tampone, certificato vaccinale e Passenger Locator Form sono alcune delle procedure introdotte per contenere la diffusione del coronavirus che rendono un viaggio meno immediato rispetto a quanto fossimo abituati in passato. Immagino di non essere il solo che ha ridotto drasticamente il numero di spostamenti all'estero e, per quanto mi riguarda, la voglia di tornare a viaggiare si fa sentire.

Dopo un'impegnativa settimana dedicata al trasloco, ho la fortuna di poter approfittare di alcuni giorni di vera vacanza e così mi concedo il tempo per una gita in bicicletta. Come l'anno scorso parto alla volta di un lago d'oltre confine, in questo caso il Lario, nell'intento di unire idealmente con il mio percorso i tre grandi specchi d'acqua della regione in cui vivo: il Verbano, il Ceresio e, appunto, il Lario.

Bellagio

Le tipiche stradine di Bellagio, conosciute ben oltre i confini nazionali. L'idea di seguire un itinerario che toccasse i tre laghi è nata diversi anni fa sulla Cima di Fojorina, da dove è possibile scorgerli tutti.

Riconsegnato l'appartamento di Tenero, dove ho trascorso gli ultimi sei anni, carico le borse sulla bici e mi avvio in direzione del Sottoceneri. Attraverso la città di Lugano, passo da Gandria e raggiungo Menaggio in tempo per imbarcarmi sul traghetto delle 17. Dopo uno stop a Varenna, l'imbarcazione attracca a Bellagio, il pittoresco villaggio dove si uniscono i tre rami del Lago di Como. A dimostrazione che il turismo non ha ancora ripreso i fasti di un tempo, trovo una stanza libera a un prezzo più che onesto nel primo albergo a cui mi rivolgo.

Cena a Bellagio - Hotel Florence

Cena a Bellagio sulla bella terrazza dell'Hotel Florence, che dà direttamente sul lago ed è piacevolmente ombreggiata.

Ceno in riva al lago e poi passeggio fino a La Punta, l'estremità poco a nord del villaggio. Soffia un leggero föhn, l'aria è limpida e in lontananza si scorgono le cime delle Alpi svizzere. Qualche ora prima, attraversando la Valsolda, guardavo in su alla ricerca della Cima di Fojorina, classica gita sciescursionistica dalla cui sommità è possibile scorgere tutti e tre i laghi.

Il mattino seguente, prima di partire, mi intrattengo con il receptionist dell'albergo, appassionato ciclista e sci-alpinista che mi indica un gran numero di itinerari nella zona. Per me, però, è già tempo di rientrare. Costeggio dunque il lago in direzione sud, oltrepasso Lezzeno e raggiungo Como per poi ritornare in Svizzera. Mi fermo a pranzare a Bissone, dove mi concedo una lunga pausa sotto i freschi portici e poi proseguo per Cagiallo, a casa dai miei. La bicicletta e il pernottamento in Italia hanno conferito a questo breve viaggio un tocco esotico, trasformandolo in una vacanza vera e intensa.

sosto.net tombstone

Lago Ceresio. Pausa a Gandria per riempire la borraccia. Battello della navigazione Lago di Como. La punta, l'estremità dove i tre rami del Lago di Como si uniscono. Vista verso nord, l'aria è limpida per effetto del föhn. Bellagio by night. Selfie nel lift. Arrivo a Como.

coshomments
Vuoi lasciare un commento?


nome* (massimo 20 caratteri)

e-mail di contatto* (non sarà pubblicato)

commento*


hastags

View all hashtags.

ricerca


galleries

Instagram
VSCO
clemspace.ch gallery

archivio

luglio (1)
giugno (0)
maggio (2)

Archivio

articoli più letti

Da Bosco Gurin alla Val Bedretto, via Basodino

Gazzirola e Camoghè

Via alta della Val Carassina

clemspace.ch

clemspace.ch

sosto.net - top of the page


cross cross cross sandwich fullscreen fullscreen resize resize fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen