full screen background image

sosto.net blog - montagne del ticino
sosto.net blog - montagne del ticino
#running

Bardüghè, 1639 m

Pandemia e telelavoro non fanno differenza, come scrivevo già l'anno scorso, settembre e ottobre sono mesi impegnativi e le uscite nella natura mi aiutato a riequilibrare le energie. Il tempo libero è scarso, devo essere un po' flessibile e creativo per riuscire a fare qualche attività all'aperto. Un lunedì mattina di due settimane fa mi alzo presto e parto a corsa da Costa Piana, frazione di Vogorno, sul sentiero a zig-zag che sale verso Bardüghè. Il cielo è terso e pieno di stelle ma senza luna, nel bosco è buio pesto e la pila frontale illumina il sentiero quanto basta per vedere dove mettere i piedi.

Capanna Bardüghè

Arrivo alla Capanna Bardüghè che è ancora notte e mi fermo qualche minuto per godermi le prime luci dell'alba, prima di una giornata in ufficio.

Le ore e i minuti prima dell'alba hanno già di per sé qualcosa di onirico, una sensazione che viene accentuata dallo sforzo fisico. All'inizio i pensieri sono confusi e mi si presentano in testa frasi e immagini apparentemente senza alcun nesso logico. Durante la prima parte della salita sono accompagnato, tra le altre cose, da "4, Passage Rochebrune", l'indirizzo dell'undicesimo arrondissement dove hanno vissuto i miei genitori durante il loro soggiorno a Parigi.

Ad una curva manca poco che incespichi in un camoscio, addormentato in mezzo al sentiero. Probabilmente accecato dalla mia pila frontale si alza ma non si sposta: confuso e impaurito, resta immobile. Spengo la pila e, passandogli accanto, riesco persino a fargli una carezza, lui si muove appena di un metro e io riprendo la salita.

I pensieri sembrano essersi ordinati di colpo. Mi balenano per la testa formulazioni perfette che potrei utilizzare per certi documenti di lavoro, mi si presentano nuove interpretazioni e punti di vista a cui non avevo mai pensato. Ho la tentazione di fare una pausa per mettere tutto nero su bianco, ma non ho nulla per scrivere.

A Bardüghè fermo il cronometro: un'ora e due minuti, mi sarebbe piaciuto restare sotto l'ora, ma niente da fare. È ancora notte, entro in capanna e cambio i vestiti sudati, poi ritorno fuori per godermi lo spettacolo dell'alba e per scattare qualche foto. «Certo che, viste da quassù, le frontiere sono proprio poca cosa...», mi dico. È l'ultimo pensiero che ricordo di quella mattina. Poi, con il sorgere del sole, tutte le belle formulazioni e le idee brillanti svaniscono velocemente e alle otto e mezzo, seduto alla scrivania in ufficio, mi dico che avrei fatto bene a portarmi carta e penna.

sosto.net tombstone

Alba a Bardüghè. Bardüghè, Svizzera. Capanna Bardüghè. Albeggia. Swiss flag. Uno scorcio sul Lago Maggiore. Lago Vogorno e dietro il Lago Maggiore. Trosa e Cimetta. Alba d'autunno sul Pizzo Vogorno. Costa Piana, Vogorno.

coshomments
Vuoi lasciare un commento?


nome* (massimo 20 caratteri)

e-mail di contatto* (non sarà pubblicato)

commento*


hastags

View all hashtags.

ricerca


galleries

Instagram
VSCO
clemspace.ch gallery

archivio

maggio (1)
aprile (0)
marzo (1)

Archivio

articoli più letti

Da Bosco Gurin alla Val Bedretto, via Basodino

Gazzirola e Camoghè

Via alta della Val Carassina

clemspace.ch

clemspace.ch

sosto.net - top of the page


cross cross cross sandwich fullscreen fullscreen resize resize fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen