full screen background image

sosto.net blog - montagne del ticino
sosto.net blog - montagne del ticino
#montagna

Pizzo dei Torói, 2525 m, cresta NE

Dopo la salita alla Cima del Muro, qualche giorno fa, punto nuovamente ad una cima minore: il Pizzo dei Torói non è infatti molto prominente e viene salito di rado, in quanto più basso dei vicini Pizzo Campello e Pizzo d'Era. In occasione della gita con gli sci su quest'ultima cima, ero rimasto affascinato dalla breve ma estetica cresta sud del Pizzo dei Torói, oggi mi pongo dunque come obiettivo di tentare la traversata, salendo per la cresta NE e scendendo per quella S.

Pizzo dei Torói

Vista sulla cresta NE del Pizzo dei Torói, dal punto a quota 2450 m circa: a sud-est priva di neve, a nord-ovest completamente innevata.

A Pian Segn la temperatura è vicina allo zero e il terreno ben gelato, mi dico che questo è di buon auspicio per le condizioni più in alto. In effetti, dopo la classica ravanata per superare un ripido pezzo di bosco in faccia a Frodalera, trovo le prime strisce di neve, dura e portante; seguendole, mi dirigo verso la bocchetta a sud della quota 2317 m.

Pochi metri sotto la bocchetta, mi raggiungono contemporaneamente i primi raggi del sole e un forte odore di becco: alzo lo sguardo e noto un gregge di capre che sta pascolando tranquillamente sui ripidi pendii di erba secca. Le raggiungo e poi faccio una pausa, per calzare i ramponi e impugnare la piccozza, la cresta inizia con un pendio piuttosto ripido di neve dura. Le condizioni sono eccellenti e salgo senza fatica; dopo aver superato un paio di roccette il crinale spiana e si allarga. Faccio una pausa per bere qualcosa e godermi il panorama, poi riprendo la salita: ancora un po' di neve ripida e qualche breve passaggio su roccia mi permettono di raggiungere la quota 2450 m circa.

Da qui in avanti la cresta si fa più affilata e presenta un forte contrasto: sul lato sud-est è priva di neve, mentre a nord-ovest è completamente innevata. Mi avvio con prudenza, picca e ramponi mi aiutano sia quando mi muovo sulla neve, sia quando mi ritrovo dalla parte dell'erba. La roccia è in generale solida e proseguo così fino all'ultimo tratto, di nuovo più ripido ma breve, pochi metri tra neve e roccia un po' esposti, preferisco non guardare in giù. In vetta aggiungo qualche pietra al minuto ometto di sasso e mi godo la vista verso il Lucomagno: come nel caso della Cima di Muro, malgrado siano attorniate da vette più imponenti, queste piccole cime offrono prospettive inusuali e interessanti.

sosto.net tombstone

Alba sull'Adula. Attacco della cresta. Vista verso Döttra e Croce Portera. Neve e roccette. Selfie. Il primo pezzo è alle spalle. La cresta appena percorsa, dalla cima. Vetta del Torói. Vista sul Lucomagno. Autoscatto poco sopra Brönich. Attacco della cresta visto da Brönich. Brönich.

coshomments
Vuoi lasciare un commento?


nome* (massimo 20 caratteri)

e-mail di contatto (non sarà pubblicato)

commento*

Per evitare lo spam, per favore copia questo codice:
security code


hastags

View all hashtags.

ricerca


galleries

Instagram
VSCO
clemspace.ch gallery

archivio

novembre (2)
ottobre (1)
settembre (1)

Archivio

articoli più letti

Da Bosco Gurin alla Val Bedretto, via Basodino

Gazzirola e Camoghè

Via alta della Val Carassina

clemspace.ch

clemspace.ch

sosto.net - top of the page


cross cross cross sandwich fullscreen fullscreen resize resize fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen