full screen background image

sosto.net blog - montagne del ticino
sosto.net blog - montagne del ticino
#skimo

Cima di Garina, 2779 m

Nel 1889, Stefano Bolla in Olivone e i suoi dintorni usa le seguenti parole per descrivere il tratto tra Campo Blenio e Pianchera:

Da Campo (a m. 1228) saliamo a Pianchera. Il cielo, dapprima alquanto coperto, s'è rasserenato e dall'opposta guglia di Sosto fa capolino improvvisamente il sole - un sole terso e scintillante che manda nelle valli torrenti di luce e di allegria.

Si tratta di un passaggio tratto dalla descrizione della salita estiva al Lago Retico, con partenza da Olivone. Assieme all'amico Daniele, il primo gennaio di quest'anno partiamo da Campo Blenio con gli sci e potremmo riciclare le parole del Bolla per descrivere il sorgere del sole, che spunta da dietro il Sosto quando ci troviamo nei pressi delle cascine di Calcarida.

Cima di Garina e Adula

L'ometto di sassi sulla Cima di Garina presenta uno strato di ghiaccio su un lato, effetto della neve trasportata dal vento. Oggi il vento è assente e ci si può godere con calma il panorama sulle vette circostanti, tra cui l'Adula.

Tra Orsaira di Fuori e Orsaira di Dentro lasciamo la strada per Predasca (innevata) e imbocchiamo in salita il percorso del Bovarina Bike, che in estate permette di scendere in mountain-bike dall'omonima capanna fino a Campo, evitando buona parte della strada asfaltata.

Poco dopo, invece dei «torrenti di luce e di allegria», troviamo il Fiume d'Orsaira ostruito dall'enorme valanga che regolarmente si stacca dalla Nagrögna e dalle Pianche d'Albói, trasportando a valle grossi blocchi di ghiaccio, terra e sassi. La superiamo a piedi, dopodiché la salita va via liscia, facilitata dal «sole terso e scintillante» e dalle temperature (troppo) miti per la stagione, che rendono le condizioni particolarmente piacevoli.

L'arrivo nella conca del Lago Retico è affascinante anche in inverno, quando è completamente ghiacciato e ricoperto di neve. Dopo una pausa, intraprendiamo la salita lungo il crinale nord-occidentale della Cima di Garina (2779 m), che raggiungiamo poco prima di mezzogiorno. L'assenza di nubi e vento rende la sosta sulla vetta più che gradevole, e gradevole è anche la discesa, in particolare il primo pezzo, per gli ampi pendii delle Ganne di Garina. Più sotto, nel bosco, la neve si fa pesante e il superamento della valanga del Fiume d'Orsaira è l'ultimo sforzo che ci separa da una fresca birra artigianale. Un buon modo per iniziare il nuovo anno.

sosto.net tombstone

Il Sosto, nell'ombra ancora per pochi minuti. Orsaira di Fuori. Valanga. In salita. Vista sul Sosto e, sullo sfondo a destra, l'Adula. Lago Retico ghiacciato. Cima di Garina, ometto di sassi. Lago Retico, Cima della Bianca, Scopì e molte altre. Daniele. Ultimo sguardo verso l'Adula, prima della discesa.

coshomments
Vuoi lasciare un commento?


nome* (massimo 20 caratteri)

e-mail di contatto (non sarà pubblicato)

commento*

Per evitare lo spam, per favore copia questo codice:
security code


hastags

View all hashtags.

ricerca


galleries

Instagram
VSCO
clemspace.ch gallery

archivio

settembre (0)
agosto (1)
luglio (2)

Archivio

articoli più letti

Da Bosco Gurin alla Val Bedretto, via Basodino

Gazzirola e Camoghè

Via alta della Val Carassina

clemspace.ch

clemspace.ch

sosto.net - top of the page


cross cross cross sandwich fullscreen fullscreen resize resize fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen fullscreen