full screen background image

sosto.net - montagne del ticino
sosto.net blog - montagne del ticino

#montagna

Basodino per lo sperone centrale nella parete SE

Spesso mi trovo a leggere la guida Ticino keep wild! climbs che ho comprato qualche anno fa e che contiene numerose descrizioni di vie clean climbing sullo gnèiss di casa nostra. Mi piace immaginare le linee tracciate sulla roccia che seguono uno spigolo elegante o una cresta affilata, ma per scalare davvero uno di questi itinerari ho bisogno di qualcuno più forte di me che faccia da primo di cordata. L'occasione si è presentata giovedì scorso, quando il Matte ha un giorno a disposizione per andare in montagna.

Detto fatto, si decide per la parete SE del Basodino, ed in particolare la salita per lo sperone centrale. Partenza da S. Carlo alle 7 e salita della Val d'Antabia fino al Piano delle Creste e poi su ancora, superando le Ganne d'Antabia fino all'attacco della via, poco sopra un piccolo nevaio e a sinistra di un evidente canale.

Basodino

Vista verso la cresta ovest del Basodino, dove passa la via normale che risale il ghiacciaio.

Le difficoltà su roccia, che si aggirano attorno al IV-, si concentrano nella prima parte dello sperone, dove la roccia è solida e ben appigliata. A metà circa della parete le difficoltà diminuiscono e si può proseguire in conserva, seguendo i sentierini degli stambecchi e scalando ancora alcuni blocchi. Qui c'è qualche pietra instabile a cui bisogna prestare attenzione.

Sulla cima ci troviamo alla stessa quota del limite superiore delle nubi, che ci avvolgono e si diradano in continuazione. Dopo una pausa scendiamo dalla normale per raggiungere il ghiacciaio, davvero malandato dopo un'estate molto calda. La superficie è ormai quasi completamente libera da neve e ha la consistenza della granita. Da Robiei ritorniamo a S. Carlo con l'ultima corsa della teleferica. sosto.net tombstone

Pecore al Piano delle Creste. Il Basodino visto dal Piano delle Creste. Laghetto sopra le Ganne d'Antabia. Versante sud del Basodino. Attacco del pilastro SE, a sinistra del canale. Il Matte, primo di cordata. Vena di quarzo in mezzo allo gneiss. Sulla cima del Basodino. Madonnina del Basodino. La via normale. Il ghiacciaio è agonizzante. Stambecchi sopra Randinascia.

Pascal        [giovedì 4 agosto 2016, 13:46]


Grazie Lorenzo,
Magari domenica proviamo esattamente questa tratta. Ho pensato che tu probabilmente l'avevi giá fatta!
A presto,
Pascal

clem        [giovedì 4 agosto 2016, 18:13]


Ciao Pascal
grazie per il commento! :-)
La via è bella, tieni conto che se parti da San Carlo fai molti metri di dislivello in rapporto a quelli in cui arrampichi: i tiri interessanti, che sono quelli in basso, sono 3 o 4. Ad ogni modo, secondo me ne vale la pena! C'è una fettuccia all'attacco della via, noi ci avevamo messo un po' a trovarlo.
Fammi sapere com'è andata!

coshomments
Vuoi lasciare un commento?


nome* (massimo 20 caratteri)

e-mail di contatto (non sarà pubblicato)

commento*

Per evitare lo spam, per favore copia questo codice:
security code


hastags

View all hashtags.

ricerca


galleries

Instagram
lclem.vsco.co
clemspace.ch gallery

archivio

ottobre (2)
settembre (0)
agosto (2)

Archivio

articoli più letti

Perché sono contrario al ParcAdula

Via alta della Val Carassina

Cassarate, il fiume di Lugano

clemspace.ch

clemspace.ch

sosto.net - top of the page


cross sandwich resize fullscreen