full screen background image

sosto.net - montagne del ticino
sosto.net blog - montagne del ticino

Salita autunnale all'Adula

La salita autunnale all'Adula sta diventando ormai una classica e così anche quest'anno, partito dalla Val Soi alle 7:30, eccomi salire assieme al Matte verso le capanne Adula CAS e UTOE, ammirando le tinte tipiche di questa stagione (come alcuni giorni fa al Piz Medel) e lo spettacolo offerto dal mare di nebbia.

«È la più alta tra le montagne del Ticino (che sono centinaia) e questo le procura il fascino irresistibile dei pulpiti per eccellenza. È anche la più bella del reame? Bella lo è senz'altro, con la sua linea gentile e il perenne vestito bianco a nord; e inoltre è maestosa, vasta, distinta eccezionalmente panoramica, ardita.»
Giuseppe Brenna Guida delle Alpi Ticinesi 3

Procediamo rapidamente fin sopra il Passo del Laghetto; a quota 2900m circa il terreno inizia ad essere innevato. Superate le rocce scalinate di un breve camino che costituisce il pezzo più tecnico della Via Val Malvaglia, si giunge sul pianoro a quota 3200m.

Le condizioni sono ottime: la temperatura, nettamente sopra la media per il mese di ottobre, è gradevole e non c'è vento. La neve già caduta si è trasformata e rigelata chiudendo così i crepacci, ciò che facilita l'avanzamento sul ghiacciaio.

clem blog image

Salita autunnale all'Adula.

Dal pianoro osserviamo il ghiacciaio e la cima dell'Adula: per dirla con il Brenna, bella lo è senz'altro. Si risale un pendio di neve che permette di accedere alla cresta sud, seguendone il filo si arriva poi in breve alla cima, che raggiungiamo a mezzogiorno in punto.

Viste le buone condizioni del ghiacciaio decidiamo di scendere dalla via normale, per poi ripassare dalle due capanne, prima di immergerci di nuovo nel bosco della Val Soi.

L'anno scorso nel mese di settembre, sempre assieme al Matte, ero salito all'Adula in giornata partendo dal Lago Maggiore, congiungendo così il punto più basso a quello più alto del nostro cantone: qui il resoconto di quella gita.

Qui, invece, l'articolo sull'uscita invernale verso il Grauhorn, di cui non abbiamo però raggiunto la cima. sosto.net tombstone

Mare di nebbia e cresta della Via alta della Val Carassina. Vista sul Grauhorn. A 2900m circa inizia la neve e noi facciamo una pausa. Traverso innevato, poco prima del camino che porta a quota 3200m. Panorama stupendo. Pochi metri alla cima. Selfie sul tetto del Ticino. Looking back.

coshomments
Vuoi lasciare un commento?


nome* (massimo 20 caratteri)

e-mail di contatto (non sarà pubblicato)

commento*

Per evitare lo spam, per favore copia questo codice:
security code


hastags

View all hashtags.

ricerca


galleries

Instagram
lclem.vsco.co
clemspace.ch gallery

archivio

maggio (1)
aprile (1)
marzo (2)

Archivio

articoli più letti

Perché sono contrario al ParcAdula

Via alta della Val Carassina

Cassarate, il fiume di Lugano

clemspace.ch

clemspace.ch

sosto.net - top of the page


cross sandwich resize fullscreen